lunedì 15 giugno 2020

Raccontiamoci una storia - I VINCITORI



PREMIO GIURIA TECNICA a “L’ombra del Nulla”
di Ilaria Colombo, Lisa Vignarca e Alice Zanin, 2’D

MENZIONE SPECIALE per “Il sogno del male” di Elena Morandi, 1’E



PREMIO “SOCIAL” a “Viaggio all'interno del libro”
di Claudia Bernasconi, Beatrice Cotta e Francesca Rinaldi, 1’D













lunedì 1 giugno 2020

Festa della Repubblica - 2 giugno 2020

La Festa della Repubblica italiana si celebra il 2 giugno perché, proprio tra il 2 e il 3 giugno 1946, si tenne il referendum con cui gli italiani, dopo 85 anni di regno della dinastia dei Savoia, di cui 20 di dittatura fascista, conclusa durante la Seconda Guerra Mondiale, scelsero di far diventare l'Italia una Repubblica costituzionale, abolendo la monarchia. Quel giorno, per la prima volta nella storia italiana, votarono anche le donne.

Insomma, è il compleanno della nostra Repubblica che quest’anno compie 74 anni!
La Festa della Repubblica è una giornata importante per la nostra storia e ricca di grandi iniziative e cerimonie ufficiali. Dal 1948, per esempio, in via dei Fori Imperiali, a Roma, si tiene una sfilata militare in onore della Repubblica e le Frecce tricolori dell’Aeronautica militare italiana sfrecciano sui cieli di Roma.

A Olgiate, sindaco e sindaco junior consegnano la costituzione ai diciottenni durante un concerto dello storico Corpo musicale olgiatese.

Quest’anno, invece, il programma in tutta Italia sarà differente: la parata è stata sospesa e le Frecce, anziché svolgere le acrobazie esclusivamente nel giorno del 2 giugno, in memoria di tutte le vittime del Covid-19, sorvoleranno i cieli di tutt’Italia per un’intera settimana, a partire dal 25 maggio. Anche a Olgiate niente concerto e niente festa ai diciottenni.
In tutta la penisola, però, si potranno esporre bandiere tricolori dai balconi e dalle finestre per augurare alla nostra Repubblica un buon compleanno!

Guardate il video delle Frecce Tricolori che sorvolano Milano: uno spettacolo che lascia con la bocca aperta e il naso all’insù!



Consultate anche il seguente link proposto dalla biblioteca

https://ovestcomobiblioteche.it/eventi/187224/2-giugno-2020-festa-repubblica

Contiene una bibliografia e una sitografia che omaggiano le Madri costituenti, 21 donne elette nell’Assemblea Costituente che parteciparono alla scrittura della nostra carta fondamentale, e richiamano gli articoli della Costituzione che ci riguardano da vicino in questo periodo di pandemia.

Il sindaco e tutto il Consiglio Comunale Ragazzi

giovedì 28 maggio 2020

Raccontiamoci una storia - LE FINALI

Eccoci giunti alle fasi finali del concorso letterario “Raccontiamoci una storia” indetto in questo particolare periodo di didattica a distanza. A breve verrà decretato chi si aggiudicherà il premio della giuria tecnica e il premio “social”.

Un ringraziamento particolare da parte dell’intero istituto va agli autori dei 25 racconti che sono stati inviati a raccontiamociunastoria@icocscuole.it e che sono stati pubblicati qui sul blog della scuola, nella sezione “Raccontiamoci una storia - I racconti”.

Dopo averli letti tutti attentamente, il comitato ha definito una rosa di cinque racconti tra i quali saranno individuati i vincitori dei due premi in palio.

La giuria tecnica sta definendo la sua classifica, ora tocca a studenti, docenti, genitori, amici e parenti esprimere il proprio parere!

Come fare?

I ragazzi e i docenti riceveranno un questionario direttamente sul proprio indirizzo di posta @icocscuole.it, mentre tutti gli altri potranno accedere allo stesso tramite questo link:


Il questionario e il corrispondente link contengono i cinque racconti selezionati e una semplice domanda a cui rispondere per esprimere il proprio voto.
Si potrà votare una volta sola e le risposte saranno anonime.

Termine ultimo di invio delle preferenze: mercoledì 3 giugno, alle 23.

Buona lettura e in bocca al lupo ai finalisti!

sabato 23 maggio 2020

giovedì 21 maggio 2020

ARTE - "ENERGIA"

Ecco i lavori svolti dalle seconde A, D ed F a partire dalle mani della "Creazione di Adamo" di Michelangelo Buonarroti, al centro della volta della Cappella Sistina, in Vaticano. Si tratta di una delle immagini più famose della storia dell'arte. Guardandola oggi, però, suscita una riflessione diversa: restare in contatto ma senza toccarsi. Michelangelo voleva rappresentare Dio che trasmette la vita a Adamo: un gesto di grande forza ma che esclude il contatto.

Oggi stiamo vivendo un momento particolare in cui toccare può essere un rischio. I ragazzi, nel loro elaborato, hanno espresso il loro pensiero, il loro stato d'animo, ciò che provano in queste giornate, che non è per forza un sentimento negativo, come la rabbia per essere costretti a rimanere a casa. I ragazzi, ad esempio, hanno espresso il piacere di stare insieme nelle piccole cose con i famigliari, la cura di sé e degli altri, la gioia di non doversi alzare presto...

I temi trattati sono stati tanti, tutti hanno messo al centro l'idea di energia.

2'A


2'D



2'F



lunedì 18 maggio 2020

ARTE


EMIL ZAJC    3^E

PROGETTO ISPIRATO A UN AUTORE CONTEMPORANEO

MOTIVAZIONE E RICERCA MATERIALE
Ho da sempre provato interesse per gli elementi naturali, forse per il mio costante contatto con la natura, fin da piccolo: terra, acqua, erba, alberi, rocce, scogli, sabbia, sassi, i fenomeni atmosferici, soprattutto il vento. Questo, probabilmente, condiziona molto il mio modo di pensare e di produrre, infatti vado sempre alla ricerca di materiali che si trovano in natura, li osservo e immagino cosa riescono a esprimere o cosa potrebbero diventare con il mio intervento. Dovendo pensare di costruire un prodotto ispirato a un autore contemporaneo sono uscito in giardino e ho iniziato a cercare. Non ho un vero e proprio giardino, più che altro si tratta di uno spazio esterno che una volta aveva l’erba rigogliosa, ora è stato trasformato da me e dai miei fratelli in una pista da mountain bike, con tanto di rampe in legno da me costruite per fare i salti, corde per appendersi all’amareno, accumuli di pezzi di legno vari, sassi e rocce portati dal mare che un tempo abitavano il nostro grande acquario ma, ora che è stato smantellato, continuiamo a tenerli con noi, per avere sempre vicino il mare. Quindi, nella mia ricerca, ho trovato del legno e un pezzo di roccia marina con incrostazioni coralline, molto porosa e con una forma che mi ha subito ispirato l’immagine di un picchio. Proprio un picchio perché il suo ticchettio lo sento spesso provenire dal bosco vicino.

PROCEDURA
Ho pensato al modo di collegare il legno con la roccia e mi è venuto in mente di prendere del fil di ferro facilmente modellabile. Ho creato una sorta di trespolo agganciato alla base di legno, una struttura non rigida ma che oscilla. Il legno, essendo noce, molto resistente, difficile da tagliare, l’ho dovuto gettare a terra più volte fino a che si è spaccato da solo. Ho fatto un foro col trapano per infilare il fil di ferro precedentemente piegato. Su questa struttura stabile di legno e di fil di ferro che oscilla ho appoggiato il picchio che avevo modellato con un macchinario elettrico, la fresa. Ho dato una forma di massima e ho applicato il lungo becco di legno, per dare maggiormente l’idea.

SIGNIFICATO 
Ho voluto unire degli elementi che in natura sembrano inconciliabili in un unico prodotto d'esposizione. L'idea della profondità del mare con la leggerezza di un uccello che, però, non vola ma si posa leggero (nonostante la pesantezza del materiale con cui è realizzato) su un sostegno metallico (anche qui in contrasto con gli elementi naturali) collegato alla base di un tronco di montagna. La profondità e l'altitudine, la leggerezza e la pesantezza, il pieno del tronco con la porosità della roccia marina, il movimento dell’oscillazione e la staticità. Un po' come sto vivendo io questo periodo, ricco di contrasti e di contraddizioni. Uno stato d'essere e un voler cambiare, sempre però mantenendomi nell’ordine naturale delle cose.

AUTORI DI RIFERIMENTO
Tra gli autori contemporanei, mi trovo in linea con il grande Alexander Calder, di cui avevo visto un’opera a scuola. Mi avevano interessato le sue piattaforme fluttuanti, la presenza del movimento e della stabilità, la rappresentazione di un equilibrio precario come quello che provo quando sono esposto alle forti raffiche della Bora al mare o come quello che ho provato quest'estate quando ho frequentato il corso di vela, su una piccola imbarcazione che con un niente avrebbe potuto ribaltarsi: ero io che dovevo bilanciare il peso e mantenere tutto in equilibrio. Calder crea l’equilibrio precario dei suoi oggetti sospesi attraverso un sistema di ganci e curve. Usa materiali naturali o di recupero (fili di rame, corde, spago, stracci, vetro, gomma, ecc.) e le sue opere sono sempre legate al movimento che, secondo lui, produce emozione.
Seguendo i consigli della professoressa sono andato a guardare le opere di due artisti italiani, Giovanna Valtolina e Massimo De Giovanni.
Giovanna Valtolina usa materiali naturali o derivati come il legno, il ferro, l’alluminio che intaglia, modella e applica su una tela dipinta con colori acrilici e crea un effetto finale tridimensionale. Si ispira spesso al mare, ai pesci, ad altri animali acquatici, alle barche, proprio per il suo amore verso questo ambiente. Trovo piacevole l’effetto in rilievo e i giochi di luminosità che derivano dal luccichio del metallo.
Massimo De Giovanni ha effettuato installazioni in ambienti naturali, rispettandoli e insediando le sue opere in modo che dialogassero con la natura, attraverso  interazioni e silenzi. Anche lui usa materiali naturali come il bambù, il legno, i sassi, le rocce, il ferro.

In conclusione posso dire di aver fatto un percorso inverso, partendo dalle mie esperienze e dai miei gusti personali, buttandomi subito nella realizzazione di qualcosa, senza rifletterci troppo, e trovando successivamente legami con artisti importanti come Calder e più recenti ma meno conosciuti come la Valtolina e il De Giovanni. Delle loro opere apprezzo l’uso di materiali naturali, gli effetti tridimensionali o la costruzione di oggetti/sculture vere e proprie, l’inserimento nella natura e il gioco di stasi e movimento che crea emozioni.


mercoledì 13 maggio 2020

ARTE

Matteazzi Camilla classe 2B 
"Scorcio prospettico di un paesaggio"