lunedì 15 aprile 2019

GIORNATA DELLA POESIA - 2^B - 21 marzo 2019

La classe 2^B, lo scorso mese, ha realizzato un cartellone riguardante la giornata internazionale della poesia, che si è tenuta il 21 marzo. La nostra classe ha lavorato al progetto insieme alla professoressa d’italiano Lucia Vacca in un tempo di due ore circa, in cui tutti si sono dati da fare. Abbiamo deciso di lavorare a questo tema perché l’argomento di lezione su cui stavamo lavorando era appunto il testo poetico.
Abbiamo realizzato tre cartelloni per quest’occasione.
Il primo presenta degli esempi di limerick scritti da noi alunni sia a casa sia a scuola, due per ciascuno. I nostri limerick hanno ognuno un tema diverso, scelto dall’autore. Sono nonsense e divertenti, com’è caratteristico di queste poesie, e hanno lo scopo di divertire e intrattenere chi avesse voglia di leggerle.
Sul secondo cartellone, invece, abbiamo scritto le cinque regole per realizzare un limerick, che possono aiutare chi volesse provare a fare come noi e creare la sua poesia.
 Le cinque regole sono:
    •    Le strofe sono composte di cinque versi.
    •    Le rime seguono lo schema AABBA
    •    I limerick hanno comunemente un protagonista.
    •    Il primo verso contiene spesso il nome di una località e presenta il protagonista.
    •    Il quinto verso finisce in genere con una rima che ripete il nome della località.
Speriamo che queste regole possano esservi utili!
Infine, nell’ultimo cartellone abbiamo inserito una presentazione e delle riflessioni riguardo alla giornata della poesia, accompagnate del brano “L’uccelletto”, una poesia che abbiamo deciso di condividere con tutti perché può generare molte riflessioni.
Ci siamo divertiti molto a realizzare questi cartelloni e ognuno di noi si è impegnato per realizzare la sua parte. Detto ciò, vi ringraziamo per aver letto fino a questo punto e vi salutiamo.

Classe 2^B


venerdì 12 aprile 2019

Giornata internazionale dello sport per lo sviluppo e la pace - 6 aprile 2019 - IIE




Giornata internazionale per l’eliminazione della discriminazione razziale - 21 marzo 2019 - IIC

UN POMERIGGIO A SCUOLA CONTRO IL RAZZISMO
Lunedì 18 marzo 2019, dalle ore 14,30 alle ore 16,30, noi ragazzi della classe 2^C abbiamo trascorso un pomeriggio a scuola per organizzare il lavoro del progetto proposto dal CCR - Consiglio Comunale Ragazzi - che si è posto come lavoro conclusivo del percorso sul tema del razzismo, iniziato con la lettura del libro “Non dirmi che hai paura” di G. Catozzella
Con l’aiuto della professoressa Liguori ci siamo suddivisi in quattro gruppi di lavoro.
Abbiamo mantenuto gli stessi gruppi utilizzati per il progetto del “TG RAGAZZI”.
Ad ogni gruppo è stato assegnato un tema differente inerente sempre il razzismo:
    •    Gruppo degli “storici”:  LA DIGNITÀ.
    •    Gruppo del “viaggio a Barcellona”: L’ UGUAGLIANZA.
    •    Gruppo del “viaggio a Madrid”: GIORNATA INTERNAZIONALE CONTRO LE DISCRIMINAZIONI RAZZIALI
    •    Gruppo dello sport insieme ai due presentatori: COLLAGE DI IMMAGINI SUL RAZZISMO.

Sempre con il supporto della professoressa, abbiamo cercato sul web alcune poesie contro la discriminazione delle persone che hanno un colore diverso della pelle. In particolare ci è piaciuta molto la poesia intitolata: “LA PELLE” dello scrittore e poeta italiano Gianni Rodari.
Abbiamo poi discusso di come sia possibile che ancora oggi nel mondo si possano verificare episodi di intolleranza a sfondo razziale o contro persone diversamente abili.
Tutti noi eravamo molto felici di aver partecipato a questa iniziativa, che ci ha sicuramente arricchiti e sensibilizzati rispetto al tema assegnatoci.
I nostri cartelloni sono stati esposti il 21 marzo nell’atrio e nei corridoi della scuola.

Il prossimo appuntamento è fissato per il 3 maggio per esporre i nostri lavori sul tema della “Libertà di stampa” per la Giornata della Legalità.











GIORNATA INTERNAZIONALE DELLA FELICITA’ - 20 marzo 2019 - IIF

 

Noi, 2^F, abbiamo fatto dei cartelloni riguardanti la giornata internazionale della felicità. Abbiamo trattato diversi argomenti: quando si celebra questa ricorrenza, cioè il 20 marzo, abbiamo messo a confronto la felicità dei Paesi del nord e del sud del mondo, abbiamo fatto un cartellone con alcune frasi celebri sulla felicità e infine abbiamo stilato la classifica dei Paesi più felici al mondo e abbiamo scoperto che l’Italia è solo al 47°posto! 

Matteo Valenti

giovedì 11 aprile 2019

La giornata mondiale dell'acqua - 22 marzo 2019 - classe IID








La giornata internazionale della Donna - 8 marzo 2019 - classe IIA

Sara Rullo 2°A
Oggi le donne hanno gli stessi diritti degli uomini? A me sembra di sì ma non è sempre stato così…
In Italia dal 1946 le donne hanno ottenuto il diritto di voto, nel 1951 fu eletta la prima donna al governo, che diventa sottosegretario all’Industria e al Commercio, ma solo nel 1976 viene eletta una donna Ministro, Tina  Anselmi, ministro del lavoro. Ancora oggi però non c’è mai stata una Presidente donna della Repubblica, del Senato e nemmeno Capo del Governo...
Nel 1948 entra in vigore il testo della Costituzione della Repubblica Italiana e ben 8 articoli sono dedicati alle donne. È da qui che ho capito l’ importanza delle lotte femminili che ci hanno reso uguali davanti alla legge.
Tutte queste  informazioni le ho tratte dall’ interessante libro “NINA E I DIRITTI DELLE DONNE” di Cecilia d’ Elia.
È un libro che ho apprezzato, perché in modo semplice e diretto mi ha spiegato l’ importanza di essere DONNA e che bisogna battersi per la propria libertà e per una civiltà che ci rispetti.


     Franca Viola, Alcamo 9 gennaio 1947.
Una storia che rivoluzionò il nostro paese: Franca Viola

Era il 1966 e per la prima volta in Italia una donna portava davanti alla giustizia l’uomo che le aveva usato violenza.
Il particolare caso di Franca Viola, la prima donna a dire di no ad un matrimonio riparatore; questo era il modo in cui negli anni 60’ gli uomini che abusavano delle donne potevano riparare il danno causato, sposandole. La donna accettava perché la sua reputazione compromessa era vista dal paese come una vergogna da lei stessa causata e naturalmente nessun uomo avrebbe potuto più chiederla in moglie. Grazie a questo primo passo di Viola, nel 1981 la legge e i diritti delle donne sono cambiati.


 Ma perché si festeggia l’8 marzo?
Le origini di questa data sono legate ad un terribile episodio di lotta operaia: nel 1908 alcune operaie americane morirono in un incendio, chiuse all’interno della loro fabbrica.
Nel 1946 l’unione delle donne italiane ed in particolare Teresa Mattei decisero di celebrare la giornata dell’8 Marzo, ancora oggi vengono trattati i temi e gli obiettivi per migliorare la condizione femminile, è un'occasione di visibilità politica in tutto il mondo. Nacque anche la tradizione della mimosa, fiore semplice e diffuso quasi ovunque.
Il percorso dell'emancipazione femminile è però ancora lungo ed accidentato...

Con la mia classe abbiamo approfondito il tema, abbiamo letto brani e articoli, e infine costruito alcuni cartelloni. Eccoli: